La differenza tra lesso e bollito

lesso e bollito

Lesso e bollito, qual è la differenza

Secondo la tradizione, dipende dal modo in cui la carne viene cotta.

Si parla di bollito se la carne viene messa nella pentola quando l’acqua già bolle invece di lesso,  quando la carne viene messa direttamente in acqua fredda e poi viene portato il tutto a ebollizione.

I diversi tipi di cottura porterebbo quindi a piatti differenti, comunque perfetti nei mesi più freddi, tra l’autunno e l’inverno.

Nel bollito la carne mantiene buona parte dei suoi sapori, risultando così più gustosa e ricca. La cottura qui può essere di un’ora e mezza, due: dipende anche dai tagli scelti.lesso e bollito

Invece nel lesso i succhi vengono rilasciati nell’acqua, con il risultato di avere una carne un po’ meno saporita ma un brodo dal gusto decisamente più intenso. La cottura può essere più lunga di quella del bollito.

Sia il bollito che il lesso possono essere fatti con carni diverse: manzo, vitello, pollo (gallina), cappone e maiale.

Generalmente per il lesso si usano tagli di carne più poveri con l’aggiunta di verdure come sedano, carote e cipolle per fare un buon bordo. Invece i bolliti prediligono parti più nobili rispetto a quelli del lesso, come ad esempio quelli del cosiddetto quarto anteriore: muscoli, braciola e taglio reale.

Per i lessi e i bolliti, comunque, a volte si usano tagli di carne differenti: dipende dalle tradizioni locali e, come sempre, dai gusti dello chef.

Ti consiglio di leggere Alla scoperta della cucina di Bologna

Seguici anche qui

WoMoms

WoMoms, la tua "amica virtuale": idee per viaggiare, consigli per lo shopping, dialoghi aperti, spunti per stupire ai fornelli e molto, molto altro ancora! Sempre sul pezzo, sempre accanto a te...

Articoli consigliati