Home Food Natale: un regalo solidale
Natale: un regalo solidale

Natale: un regalo solidale

0

Un terremoto è un evento sconvolgente, ti cambia la vita, crollano le certezze.

Un terremoto ti porta via quello che faticosamente hai costruito in tanti anni. Purtroppo nell’ultimo decennio nel nostro Paese ne abbiamo vissuti decine, alcuni dalle dimensioni catastrofiche.terremoto

Dopo il terremoto, la rinascita

Per questo molte famiglie hanno perso tutto, ma allo stesso modo altrettante famiglie hanno voluto rimboccarsi le maniche per fare qualcosa di talmente forte da guardare al terremoto con aria di sfida. Lo ha fatto anche Marco Agabiti che insieme a suo padre Silvano gestisce “Il Massaro Apicoltura”.

Proprio grazie al suo piglio, alla sua intraprendenza che verte su un mondo sempre più digitale, Marco è riuscito a riconvertire il business di una azienda familiare fortemente provata dal terremoto che ha colpito Norcia nel 2016.

60 milioni di api morte e danni cospicui alla struttura dell’azienda, che hanno messo a dura prova l’economia di una famiglia che su questa attività faceva affidamento da quasi cinquant’anni.

Un’idea vincente che ha bisogno di noi

Ora è tempo di ricostruire, di lanciarsi su un mercato diverso che non è più quello del turismo a Norcia, dal momento che i flussi si sono decimati rispetto al calore iniziale del post terremoto. Ora è tempo di lanciare i prodotti a base di miele e di farlo tramite i canali web.

Per questo motivo già per il secondo anno a Natale è possibile acquistare le confezioni regalo dell’azienda “Il Massaro Apicoltura” e fare come i tanti clienti che Marco Agabiti è riuscito ad intercettare anche oltre i confini dell’Italia.

Ci sono prezzi per ogni tasca e confezioni per ogni gusto; dal miele ai prodotti a base di miele.

 

 

Importante è sostenere un marchio 100% made in Italy, ma ancora più essere conosci che un acquisto di questo tipo è certamente consapevole perchè consente di dare un mattoncino ad una famiglia che come molte altre sta affrontando una ricostruzione completamente a proprie spese.

Manuela Prestifilippo

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Manuela Prestifilippo Mi definisco una operaia della comunicazione. Giornalista e non solo. Adoro scrivere, ma amo anche correre. Mi piace sperimentare tutto quello che attira la mia attenzione. Sono affascinata dal mondo orientale, dalle discipline olistiche e amo la vita in ogni sua declinazione. Dicono che nelle mie vene ne scorra parecchia e cerco sempre un motivo per sorridere e ringraziare. Ho vinto un tumore al seno e mi batto per la prevenzione e la ricerca scientifica. La mia parola d'ordine è "Ascoltare" perchè si impara sempre qualcosa.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *