storia del caffè

Il contenuto di caffeina può variare da un massimo di 160 milligrammi in alcune bevande energetiche a un minimo di 4 milligrammi in una porzione da 29 ml di sciroppo al gusto di cioccolato.

Anche il caffè decaffeinato non è completamente privo di caffeina.

E’ presente anche in alcuni antidolorifici da banco, farmaci per il raffreddore e pillole dimagranti. Questi prodotti possono contenere fino a 16 milligrammi o fino a 200 milligrammi di caffeina.  La caffeina stessa è un leggero antidolorifico e aumenta l’efficacia di altri antidolorifici.

caffeina

Crea dipendenza

E’ uno stimolante per il sistema nervoso centrale e l’uso regolare di caffeina causa una lieve dipendenza fisica. Ma non minaccia la tua salute fisica, sociale o economica come fanno le droghe che creano dipendenza.

Se interrompi bruscamente l’assunzione di caffeina, potresti avere sintomi per un giorno o più, soprattutto se consumi due o più tazze di caffè al giorno. I sintomi di astinenza includono: male alla testa, fatica, ansia, irritabilità, umore, depresso e infine difficoltà di concentrazione.

Non causa la gravità dell’astinenza o comportamenti dannosi di ricerca di droghe come droghe da strada o alcol. Per questo motivo, gli esperti non considerano la dipendenza da caffeina una dipendenza.

È probabile che causi l’insonnia

Il tuo corpo assorbe rapidamente la caffeina, ma se ne libera anche rapidamente. Trattata principalmente attraverso il fegato, parte della caffeina rimane nel corpo per diverse ore. Ma per la maggior parte delle persone, una o due tazze di caffè al mattino non interferiranno con il sonno notturno.

Il consumo di caffeina nel corso della giornata, tuttavia, può interferire con il sonno. Se sei come la maggior parte delle persone, il tuo sonno non ne risentirà se ne consumi almeno sei ore prima di andare a letto. La tua sensibilità può variare, tuttavia, a seconda del tuo metabolismo e della quantità che assumi regolarmente. Le persone più sensibili possono non solo soffrire di insonnia, ma anche avere effetti collaterali come nervosismo e disturbi gastrointestinali.

Aumenta il rischio di osteoporosi, malattie cardiache e cancro

Quantità moderate al giorno, circa 300 milligrammi o tre tazze di caffè, apparentemente non causano danni nella maggior parte degli adulti sani. Tuttavia, alcune persone sono più vulnerabili ai suoi effetti. Ciò include persone come coloro che hanno la pressione alta o sono più anziani.

Osteoporosi. Ad alti livelli (più di 744 milligrammi/giorno), può aumentare la perdita di calcio e magnesio nelle urine. Ma studi recenti suggeriscono che non aumenta il rischio di perdita ossea, soprattutto se si assume abbastanza calcio. Puoi compensare il calcio perso bevendo una tazza di caffè aggiungendo solo due cucchiai di latte. Tuttavia, la ricerca mostra legami tra caffeina e rischio di frattura dell’anca negli anziani. Gli anziani possono essere più sensibili agli effetti sul metabolismo del calcio. Se sei una donna anziana, discuti con il tuo medico se dovresti limitare l’assunzione giornaliera di caffeina a 300 milligrammi o meno.

Malattie cardiovascolari. Un leggero aumento temporaneo della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna è comune in coloro che sono sensibili alla caffeina. Ma diversi ampi studi non collegano la caffeina a colesterolo più alto, battiti cardiaci irregolari o un aumento del rischio di malattie cardiovascolari. Se hai già la pressione alta o problemi cardiaci, però, parla con il tuo medico. Potresti essere più sensibile ai suoi effetti. Inoltre, sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire se la caffeina aumenta il rischio di ictus nelle persone con pressione alta.

Cancro. Le revisioni di 13 studi che hanno coinvolto 20.000 persone non hanno rivelato alcuna relazione tra cancro e caffeina. In effetti, può anche avere un effetto protettivo contro alcuni tipi di cancro.

Giornata Internzionale del Caffé

La caffeina è dannosa per le donne che cercano di rimanere incinte

Molti studi non mostrano legami tra una tazza di caffè al giorno e uno dei seguenti: problemi a, concepire, cattiva amministrazione, difetti di nascita, nascita prematura e infine basso tasso di natalità.

Allo stesso tempo, per le donne incinte o per coloro che tentano una gravidanza, i medici suggeriscono però di assumere solo una grande tazza di caffè al giorno. Questa raccomandazione arriva perché, in studi limitati, le donne che consumavano quantità maggiori di caffè avevano un aumentato rischio di aborto spontaneo.

La caffeina ha un effetto disidratante

La caffeina può farti avere bisogno di urinare. Tuttavia, il fluido che consumi nelle bevande contenenti caffeina tende a compensare gli effetti della perdita di liquidi durante la minzione. La linea di fondo è che sebbene la caffeina agisca come un leggero diuretico, gli studi mostrano che bere bevande contenenti caffeina con moderazione non causa effettivamente disidratazione.

Danneggia i bambini, che oggi ne consumano anche più degli adulti

A partire dal 2004, i bambini dai 6 ai 9 anni consumavano circa 22 milligrammi di caffeina al giorno. Questo è ampiamente entro il limite consigliato. Tuttavia, le bevande energetiche che contengono molta caffeina stanno diventando sempre più popolari, quindi questo numero potrebbe aumentare.

Alcuni bambini sono sensibili e sviluppano ansia o irritabilità temporanea, con un “crollo” in seguito. Inoltre, la maggior parte della caffeina assunta dai bambini è contenuta in bibite gassate, bevande energetiche o tè zuccherati, che hanno tutti un alto contenuto di zucchero. Queste calorie vuote mettono i bambini a maggior rischio di obesità.

Anche se in sé non è dannosa, le bevande contenenti caffeina generalmente non sono adatte ai bambini.

Può aiutarti a tornare sobrio

La ricerca suggerisce che le persone pensano solo che la caffeina li aiuti a tornare sobri. Ad esempio, le persone che bevono caffeina insieme all’alcol pensano di essere a posto al volante. Ma la verità è che il tempo di reazione e il giudizio sono ancora compromessi.

Non ha benefici per la salute

Ha pochi benefici per la salute comprovati. Uno studio francese ha persino mostrato un declino più lento delle capacità cognitive tra le donne che consumavano caffeina.

Altri possibili benefici includono l’aiuto di alcuni tipi di mal di testa. Anche l’asma di alcune persone sembra trarre beneficio dalla caffeina. Questi risultati della ricerca sono intriganti, ma devono ancora essere dimostrati.

Prove limitate suggeriscono che può anche ridurre il rischio di quanto segue: morbo di Parkinson, malattia del fegato, cancro del colon-retto, diabete di tipo 2 e infine demenza.

Nonostante i suoi potenziali benefici, non dimenticare che alti livelli di caffeina possono avere effetti negativi. Sono necessari ulteriori studi per confermare sia i suoi benefici che i potenziali rischi.

 

Ti consiglio di leggere anche La caffettiera, per preparare un buon caffè

Alessandra Bonadies

Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Sono Digital Content Creator e Blogger dal 2000.

Articoli consigliati