Home Lifestyle Constance Gore-Booth, la contessa generosa e ribelle
0

Constance Gore-Booth, la contessa generosa e ribelle

Constance Gore-Booth, la contessa generosa e ribelle
0

Constance Gore-Booth contessa anglo-irlandese e attivista politico.

Nata a Londra nel 1868, figlia di un esploratore artico, baronetto e ricco possidente irlandese, Sir Henry Gore-Booth.
Constance, presentata alla corte della regina Vittoria nel 1887 e si iscrisse alla Slade School of Art di Londra nel 1893. Alla fine degli anni 1890 si recò a Parigi, dove incontrò il conte Casimir Dunin-Markievicz della Polonia; si sono sposati nel 1900. Si sposarono, ma il marito poco dopo decise di tornare in Polonia, lei non lo volle seguire e si lasciarono.Constance Gore-Booth
Nel 1908, abbracciò il nazionalismo irlandese, unendosi al gruppo di donne rivoluzionarie Inghinidhe na hÉireann (Figlie d’Irlanda) e al partito politico Sinn Féin. L’anno successivo ha formato Na Fianna Éireann (Soldati d’Irlanda), un’organizzazione repubblicana liberamente basata sui Boy Scouts, in cui i ragazzi sono  addestrati per essere soldati nazionalisti.
Nel 1911, arrestata per aver manifestato contro la visita di re Giorgio V in Irlanda. Questo è stato solo il primo di numerosi arresti e incarcerazion, il cui attivismo politico ha portato a periodi di prigione a intermittenza per il resto della sua vita. Nel 1913-1914 fornì cibo ai lavoratori e alle loro famiglie durante una disputa di lavoro in cui migliaia di persone furono bloccate dal loro posto di lavoro per essersi rifiutate di rifiutare l’iscrizione al sindacato.

“Vèstiti in gonna corta e stivali forti, lascia i tuoi gioielli e compra un revolver.” Constance Gore-Booth

Nell’aprile 1916 Markievicz prese parte alla Rivolta di Pasqua, un’insurrezione repubblicana a Dublino contro il governo britannico in Irlanda. Dopo la resa generale, arrestata e incarcerata.
Sebbene molte donne avessero partecipato alla rivolta, Markievicz fu l’unica ad essere corte marziale;  condannata a morte, ma la pena, commutata in una vita di servitù penale a causa del suo sesso: “per la misericordia dovuta a una donna”, lei invece di gioire, inveì contro i giudici con “Abbiate la decenza di uccidermi”.
Constance Gore-Booth
L’anno successivo, sotto amnistia generale, Markievicz rilasciata, ma ben presto finì di nuovo in carcere per presunta partecipazione a un complotto contro il governo britannico. Nel dicembre 1918, mentre eseguiva ancora una pena detentiva, è stata la prima donna eletta al parlamento britannico:  fu eletta alla Camera dei Comuni come rappresentante della divisione St. Patrick’s di Dublino. Insieme agli altri membri dello Sinn Féin, si rifiutò di prestare giuramento di fedeltà al re e, quindi, non si sedette. Invece, sotto la guida di Eamon de Valera, i repubblicani irlandesi istituirono il proprio governo provvisorio, Dáil Éireann (Assemblea irlandese).
Dopo il suo rilascio dalla prigione, Markievicz prestò servizio nel primo Dáil Éireann come ministro del lavoro (1919- 1922).
Nello stesso anno, istituito l‘Irish Free State e Dáil Éireann, incorporato come camera bassa dell’Oireachtas (parlamento irlandese).

Markievicz, eletta al Dáil nelle elezioni generali del 1923 ma, insieme agli altri membri del Sinn Féin, si rifiutò di nuovo di giurare fedeltà al re e non si sedette.

Invece, si è dedicata al lavoro di beneficenza. Markievicz si unì al partito Fianna Fáil di de Valera sin dalla sua fondazione nel 1926 e  nuovamente eletta al Dáil nel 1927. 
Constance Gore-Booth morì a 59 anni, senza un soldo, “Tra i poveri, dove voleva essere”.
Le autorità si rifiutarono di concederle il funerale di Stato. Ma le sue gesta rimasero nel cuore della gente e 250.000 persone seguirono il suo feretro per le strade di Dublino.
Ti consiglio di leggere Eva Perón, la First Lady Argentina
Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
WoMoms WoMoms, la tua "amica virtuale": idee per viaggiare, consigli per lo shopping, dialoghi aperti, spunti per stupire ai fornelli e molto, molto altro ancora! Sempre sul pezzo, sempre accanto a te...

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »