Frisjioles: le frittelle lunghe Sarde

Frisjioles

Le “frisjioles”, come vengono chiamate in dialetto locale, sono delle frittelle di Carnevale tipiche della tradizione culinaria Sarda, che presentano la forma di una spirale.

Si preparano con ingredienti semplici.

La farina utilizzata è la semola rimacinata che le rende saporite e rustiche allo stesso tempo, oltre che croccanti fuori e soffici dentro.

La preparazione della ricetta tradizionale prevede l’utilizzo del liquore “ filu e ferru “, una acqua vite della Sardegna, e l’utilizzo di un particolare imbuto con manico lungo che le nonnine sarde si tramandavano di generazione in generazione.

In alternativa all’ imbuto sardo, potrete utilizzare la classica sac à poche.

Mentre, al posto della acqua vite sarda, un ottima alternativa è un liquore all’anice.

Ingredienti:

  • 1 litro di latte intero
  • 1kg di farina di semola rimacinata
  • Sale q.b.
  • Zucchero q.b.
  • 1 cubetto di lievito di birra (25g)
  • 3 cucchiaini di Scorza d’arancia grattugiata
  • 1 bicchiere di acqua vite o liquore all’anice
  • Olio di semi di arachidi q.b.

Frisjioles

Procedimento:

  • Sciogliete il lievito nel latte.
    In una ciotola capiente mettete la farina di semola, fate la fontana e unite la scorza d’arancia, il liquore e 100 ml di succo d’arancia.
    Lavorando con una mano (l’altra tiene la ciotola) cominciate ad amalgamare gli ingredienti al centro, aggiungendo parte della farina laterale man mano.
  • Quando al centro avrete già una consistenza cremosa, cominciate anche ad aggiungere il latte poco alla volta, incorporando man mano il resto della farina. Infine aggiungete anche il sale.
  • Riponete la pastella ottenuta a lievitare in un luogo caldo. E, Dopo che l’impasto raddoppierà il suo volume,  potrete procedere con la frittura.
  • Quando l’olio sarà ben caldo, Con l’utilizzo dell’’imbuto o della sac à poche create delle spirali di pastella nella vostra padella.
  • Quando sotto saranno ben dorate, rigirate le frittelle aiutandovi con due palette o forchette e finite di cuocere anche dal’altro lato. Ponetele man mano su carta assorbente da cucina.
  • Infine passate le frittelle a spirale nello zucchero semolato e servite tiepide.

Le Frisjioles si conservano bene anche fino al giorno dopo, ma in questo caso è preferibile scaldarle per qualche secondo al microonde oppure al caminetto.

Ti consiglio di leggere anche Il Migliaccio, dolce napoletano di Carnevale

Ilaria Chanellina

Ilaria, mamma sarda appassionata di cucina, homedecor, viaggi, fashion e decorazioni.
Penso al Natale 365 giorni l’anno.

Articoli consigliati