M’illumino di meno 2018

M'illumino di meno

“Sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo”

Quest’anno “M’illumino di meno” é cominciato in anticipo, perché ha un obiettivo arduo. E come ogni anno mi vede promotrice dell’evento!

Il via è stato dato da Caterpiller e Radio2 lunedì 29 gennaio 2018 all’Arena Civica – Palazzina Appiani del Parco Sempione di Milano.

Obiettivo di quest’anno è percorrere, entro il 23 febbraio 2018, 555 milioni di passi, simbolicamente come raggiungere la luna a piedi.

Ed è proprio venerdì 23, il compleanno del Protocollo di Kyoto, che si spegneranno tutte le luci come ogni anno dalle ore 18. Questo nell’interesse di ognuno al futuro dell’umanità.

In questi 14 anni sempre più persone, spegnendo le luci delle proprie case, hanno contribuito a questo progetto, oltre ad intere città, le quali, aderendo, hanno “spento” piazze e monumenti, tra i quali la Torre di Pisa, il Colosseo, l’Arena di Verona, il  Quirinale, le Camere ed il Senato.

In Europa  per “M’illumino di Meno” hanno spento la Tour Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna.

M'illumino di meno

L’invito quindi per chi non può fare in altro modo, è di spegnere le luci domani e andare a piedi. Anche solo accompagnando i figli a scuola magari.

“Tratta bene la Terra! Non è un’eredità dei nostri padri ma un prestito dei nostri figli”.

Antico detto masai, Kenia.

Allora preparate scarpe comode e invitate più persone possibili a partecipare.

Francesca Verdiglione

 

 

 

Articoli consigliati