Home Cultura La cultura e l’arte che vivono sul web

La cultura e l’arte che vivono sul web

La cultura e l’arte che vivono sul web
0

La cultura e l’arte ai tempi del Coronavirus: un grand-tour virtuale nei musei italiani

La cultura è per tutti, ma le corse continue che facciamo ogni giorno spesso ci fanno dimenticare l’importanza di questo tesoro.

Fino al 9 marzo la routine di molti è rimasta la stessa, con l’accortezza di portare una mascherina e di lavare spesso le mani o usare il gel igenizzante, come si legge qui.

Oggi, invece, siamo costretti alla chiusi in casa per limitare i contagi del nuovo Coronavirus.

Aspettiamo con pazienza il momento in cui potremo tornare a visitare il nostro Paese e a valorizzare l’immenso patrimonio dell’Italia e a ribadire il suo primato.

cultura
L’Italia detiene il primo posto nel mondo per influenza culturale – fonte US news & world report

La cultura intanto bussa alla nostra porta e l’arte può entrare nelle nostre case. Sediamoci sul divano e, con calma, assaporiamo un tour virtuale a Pompei. Oppure godiamo dei particolari del pennello di Sandro Botticelli nella Madonna del Magnificat.

Ecco quindi un elenco di istituzioni e musei italiani che -da qualche tempo- mettono a disposizione del pubblico digitale il loro patrimonio. Oggi possiamo veder questo patrimonio da casa!

Bergamo, Accademia Carrara

Come molte istituzioni, l’Accademia Carrara mette on-line una selezione dei Capolavori della sua pinacoteca: degli oltre 1.800 dipinti conservati nel museo, è possibile ammirarne una decina. Ancor più interessante, però, è la sezione dedicata ai Collezionisti.  Qui si legge degli appassionati d’arte e collezionisti veri e propri che hanno donato al museo i loro tesori d’arte e cultura, contribuendo a renderne unica la raccolta!

Bologna, MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna

L’arte italiana dal secondo dopoguerra a oggi trova al MAMBo i suoi principali esponenti. Il museo è estremamente vivace, viene periodicamente riallestito per offrire al pubblico una dinamica e sempre nuova visione dell’arte contemporanea. Gran parte delle collezioni sono presentate sul sito in schede sintetiche ed efficaci alla sezione Collezioni on-line.

Firenze, Gallerie degli Uffizi

Quello delle Gallerie degli Uffizi è per quantità e qualità di opere d’arte (e non solo) uno dei complessi museali più importanti al mondo. Esso raccoglie non solo le opere degli Uffizi, ma anche quelle del Corridoio Vasariano, il Giardino di Boboli e le collezioni di Palazzo Pitti . Gran parte del suo patrimonio è oggi fruibile on-line nella pagina IperVisioni che ci apre virtualmente le porte di questo museo straordinario.

cultura

Genova, Gallerie Nazionali di Palazzo Spinola

Le Strade Nuove e il Sistema dei Palazzi dei Rolli è il nome di un sito incluso nel Patrimonio dell’umanità UNESCO. È situato nel centro storico di Genova. Tra questi edifici c’è anche Palazzo Spinola, che ospita la Galleria Nazionale della Liguria. Questa è una quadreria che annovera i principali artisti genovesi, fiamminghi ed europei, oltre ad un’importante collezione di ceramiche. On-line è prevista una Visita alle sale molto ben articolata, che distingue i percorsi in due tipi: un tour delle collezioni e un tour della “dimora storica”, che conserva intatta l’atmosfera di una della Genova residenza sei – settecentesca.

Milano, Pinacoteca di Brera

Nel capoluogo lombardo, gli oltre 24.000 metri quadrati del Palazzo di Brera ospitano una grande summa della storia dell’arte italiana. Oggi è possibile assaporare la qualità di quadri famosissimi in immagini ad altissima definizione: uno sguardo dentro l’opera altrimenti impossibile a occhio nudo!

cultura
Le riproduzioni ad “altissima definizioni” dei capolavori della Pinacoteca di Brera, a Milano

Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte

La celebre Collezione Farnese iniziata iniziata a metà Cinquecento dal pontefice Paolo III è oggi ospitata in quello che fu il palazzo reale di Napoli, la Regga di Capodimonte. Qui sono conservate anche numerosissime opere d’arte, trasportate nel palazzo durante le soppressioni delle Chiese del territorio campano. Le sale della Reggia e i suoi capolavori si possono consultare al link delle Collezioni. Consiglio la lettura dei testi che accompagnano le immagini e che ci guidano con sapienza tra la storia e l’arte di uno dei musei più visitati nel nostro Paese.

Pompei, Parco archeologico

66 ettari di cui circa 50 scavati: queste sono le misure del parco archeologico di Pompei, tanto ricco e prezioso da essere annoverato dall’UNESCO tra i siti del Patrimonio mondiale dell’umanità. Ciò che oggi si può vedere a Pompei lascia poco all’immaginazione, ma è anche possibile effettuare una passeggiata virtuale tra le strade dell’antica città. Un tour che in questo periodo ci permette di scoprire questa meraviglia archeologica e prepararci al prossimo viaggio, quando torneremo alla normalità.

Possagno (TV), Museo Canova

La più preziosa eredità di Antonio Canova si trova nella provincia di Treviso, in un museo articolato in tre strutture: la Gypsoteca, la Casa Natale e la Biblioteca/Archivio. Parte dell’allestimento della Gypsoteca si deve a Carlo Scarpa, che nel 1957  valorizzò questo patrimonio ancora sconosciuto, inserendolo in una scenografia moderna ed essenziale che ancora oggi ci affascina. La galleria Instagram del MuseoCanova è lo strumento più efficace per fare un tour di questo museo!

Il Museo Canova su Instagram

Roma, Gallerie Nazionali d’Arte Antica

Le Gallerie Nazionali romane si articolano in due differenti sedi espositive nel centro storico della capitale, Palazzo Barberini e Palazzo Corsini. On-line si possono ammirare numerosi Capolavori che danno una idea dell’incredibile qualità del patrimonio artistico di questo museo. Sul sito del MiBACT è inoltre disponibile un video che ci accompagna all’interno di Palazzo Barberini in un viaggio incredibile.

Torino, Museo Egizio

Quello di Torino è il più antico museo al mondo dedicato all’Antico Egitto, alla sua storia, alla sua cultura e alla sua arte, con circa 40.000 reperti. Il database della Collezione è liberamente consultabile on-line e ci dà una sintetica ed efficace idea della ricchezza di questo museo. Estremamente affascinante, inoltre, il tour virtuale che è possibile fare della mostra in corso, dedicata all’Archeologia Invisibile.

Trento/Rovereto, Mart – Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto

Il Mart è uno dei più celebri centri museali del trentino, con una collezione di oltre 20.000 opere dalla fine dell’Ottocento a oggi. Sono a disposizione on-line cento Capolavori e una guida virtuale alla Casa d’Arte Futurista Depero, il primo (e unico) museo fondato da un futurista. Quello in Casa Depero diventa così un viaggio al limite dell’onirico, in uno spazio pioniere del design contemporaneo.

Venezia, MUVE – Fondazione Musei Civici Venezia

Non esiste tour virtuale che possa riempire il cuore come la visita diretta della laguna di Venezia, ma una vista delle sua collezioni si. Il Catalogo del MUVE a oggi raccoglie 50.000 schede, sintetiche ed efficaci che ci permettono di entrare a contatto con la ricchezza del patrimonio artistico veneziano. Quando si visita Venezia, si rimane affascinati dalle sue calli e dai giochi di luce nei canali, dimenticandosi spesso che dentro quegli eleganti palazzi ci sono tesori inestimabili, radici della nostra cultura.

Cultura e viaggi virtuali in Italia: e ora dove si va?

Questo breve elenco vuole essere uno spunto, uno spunto per viaggiare, studiare e ammirare il patrimonio del Bel Paese. Esistono altre centinaia di realtà museali che condividono i loro tesori on-line e sui social e che vi invitiamo a cercare in questo periodo di riposo forzato. Sfruttatelo per fare nuove scoperte e condividetele con noi!

 

Caterina Pascale Guidotti Magnani

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
Caterina Pascale Guidotti Magnani Non ho filtri, perché dico tutto quello che mi viene in mente, ma lo faccio sempre con gentilezza. Credo che l'educazione e la cultura siano alla base della civiltà. Storico dell'arte con una grande passione per i foulard, li tratto con il rispetto che si deve ai grandi capolavori.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »