Igor Nogarotto musicista e scrittore

igor nogarotto

Igor Nogarotto è l’autore di “Rosa stacca la spina”

Igor Nogarotto è un artista eclettico e poliedrico, mai fermo, sempre pronto a spaziare dal mondo della musica a quello della scrittura.

Tra i suoi ultimi brani musicali, il singolo “Eleonora sei normale” parla di un tema, purtroppo sempre attuale, legato ai disturbi della bulimia. È da poco trascorsa, la giornata dedicata ai DCA , “Disturbi del Comportamento Alimentare” indetta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Dopo gli incidenti stradali, infatti, per i giovani (soprattutto tra i 12 e i 25 anni) rappresenta la prima causa di morte. Solo in Italia si stima che oltre 3 milioni di persone ne soffrono.

“quando scrivo un libro è come se suonassi un brano, quando compongo una canzone è come se scrivessi la pagina di un romanzo”

igor nogarotto
Igor Nogarotto

 

Quanto è stato difficile immergersi nella storia tragica di Eleonora e comporre con grande sensibilità e tatto, un brano così toccante?

“Eleonora sei normale” è il testo integrale della lettera lasciata da Eleonora alla madre prima di compiere il gesto estremo; se ci fai caso infatti canto “sono stanca di ‘sto mondo”, al femminile. Poi la madre mi ha affidato quelle parole chiedendomi di musicarle in modo da sensibilizzare sulla tematica dei disturbi alimentari. Sono dell’idea che i creativi debbano farsi carico di trattare in musica o letteratura anche argomenti scomodi, perché attraverso il linguaggio emozionale dell’Arte si arriva senza filtri direttamente allo stomaco delle persone e se si riesce ad aiutarne anche solo Una a stare meglio, è un successo impagabile. Tutto ciò implica una grande responsabilità, motivo per cui ho impiegato molti anni prima di trovare una melodia che fosse funzionale a trasmettere quelle sensazioni.

igor nogarotto

Veniamo al tuo ultimo romanzo “Rosa stacca la spina” a cui è collegato il tuo singolo “Una cosa sola”. In che modo le due forme d’arte si intrecciano in un unico filo conduttore? E com’è nato questo romanzo?

“Rosa stacca la spina” è stato partorito dall’urgenza di condividere emozioni profonde, dal desiderio di trasmettere Bellezza e speranza in un periodo storico così difficile.

Quando scrivo un libro è come se suonassi un brano, quando compongo una canzone è come se scrivessi la pagina di un romanzo. Ho una visione che definirei cinematografica delle Opere che realizzo: amo dare dinamicità musicale alle parole in modo che prendano vita e fuoriescano dalle pagine e amo conferire una raffigurazione metaforica alle note in modo che ti trasportino in quelle scene. Il cinema è questo, immagini, parole e musica in un corpo unico. “Una cosa sola” è l’amore totalizzante, 2 persone che si donano il meglio l’uno dell’altra, proiettandosi in un terzo individuo ideale, 1 + 1 = 1. La canzone, nel romanzo, viene scritta ad hoc e per la protagonista Rosa per festeggiare la sua laurea.

“Rosa stacca la spina” sta scalando con successo la classifica di Amazon. E’ la storia di un viaggio nell’amore che tutti vorremmo avere, un amore lungo tutto una vita. Un romanzo palpitante e vibrante nell’alternarsi di emozioni contrastanti che attraversano le pagine e graffiano l’anima del lettore riga dopo riga. Ti aspettavi questo successo?

Grazie per questa meravigliosa descrizione!

Devo essere sincero… sì, me l’aspettavo! Mi spiego: mentre stai scrivendo, proprio quando stai picchiettando le sillabe sulla tastiera, hai già la percezione se quello che stai realizzando toccherà o meno le corde emotive del lettore. No so come, ma lo sai. E devo confessarti che per la prima volta in vita mia ho provato questa sensazione con il mio romanzo “Rosa stacca la spina”. Non mi era mai successo: non ero mai convinto pienamente di quello che pubblicavo. Questa volta, invece, sì.

Igor sei un artista a 360 gradi e forse questo numero è riduttivo. Cantautore, musicista, compositore di inediti per interpreti, autore di testi per i comici di Zelig, scrittore, produttore discografico e molto altro: come fai a conciliare e spaziare in tutto ciò?

Negli ultimi anni mi sto dedicando quasi unicamente alla scrittura. Prima di raggiungere questo status, per mantenermi, ho dovuto cimentarmi in diverse attività, spaziando in tanti lavori, spesso inventandomene di nuovi! Ma dovevo farcela, non ho mai mollato, non ho mai smesso di crederci un solo istante, perché per me creare è vitale. Se smettessi di scrivere morirei.

La tua Arte è spesso rivolta a tematiche e progetti sociali: da dove nasce questa tua grande sensibilità?

Parlo esclusivamente di argomenti che ho vissuto in prima persona: non saprei essere così viscerale nella narrazione se non li conoscessi. Quindi diciamo che ho avuto una vita ricca di esperienze forti, che mi hanno sensibilizzato. Ma senza la mia vena creativa non avrei saputo affrontarle, prenderne consapevolezza, né esorcizzarle, anche per me stesso: l’Arte è meravigliosa anche per questo, creando e divulgando puoi salvarti la vita e aiutare anche gli Altri.

Altri progetti per il futuro?

Come ti dicevo prima con “Rosa stacca la spina” per la prima volta sento di aver realizzato un’Opera che mi rappresenta al 100% del mio potenziale. Quindi non voglio pensare ad altro almeno per tutto il 2022, promuovendo il mio romanzo come merita tra presentazioni in libreria o presso festival letterari, con interviste, social, tv, radio, web, giornali… senza disperdere energie in altre attività.

P.S.: se leggete “Rosa stacca la spina” ovviamente mi fa piacere, ma in generale leggete, regalate libri, perché leggere fa stare bene.

 

Carla Zanutto

 

LINK UTILI
Presentazione libro in 1 minuto:
https://youtu.be/_n1C2s3TVz0
Instagram:
https://www.instagram.com/igornogarottosamigo/
AMAZON:
https://www.amazon.it/Rosa-stacca-spina-Igor-Nogarotto/dp/8885950787

Carla Zanutto

Sono Carla e dal 2010 faccio parte del Pengo Life Peoject, un progetto italiano per la tutela e la salvaguardia dell'Elefante Africano in Kenya. Le mie passioni sono il fitness, i cani e i libri.

Articoli consigliati