Home Food Pane semi integrale
Pane semi integrale

Pane semi integrale

0

Pane semi integrale fatto in casa.

Se vi piace il pane rustico con crosta croccante e morbido dentro, potete provare a farlo anche nel forno di casa ottenendo un ottimo risultato.

Spesso mi sono chiesta come fosse possibile ottenere un pane all’altezza di quello cotto nel forno a legna, ma nel forno di casa.

In questi anni ho provato diversi tipi di impasto per il pane ma aimé…il risultato non era mai quello sperato.

Qualche tempo fà, proprio su Instagram, mi sono imbattuta nel cosiddetto “pane in pentola” ovvero un pane dall’aspetto molto rustico come piace a me e oltretutto fatto senza particolari tecniche e difficoltà perché senza impasto.

Io ho preso le dritte giuste dal blog della bravissima Enrica Panariello, ma sappiate che in molti ne hanno ampiamente parlato, non saprei dirvi quindi chi ha inventato il metodo (geniale) di cottura, ma quel che posso dirvi é che il metodo funziona e sfornerete un pane delizioso.

Innanzitutto bisogna munirsi di una pentola compresa di coperchio che vada in forno: molti usano pentole in ghisa, io per comodità visto che l’avevo in casa, ho usato una pentola interamente in acciaio con fondo spesso.

Questa pentola và preriscaldata in forno a 230° e maneggiata con attenzione (l’impasto una volta lievitato và messo nella pentola bollente).

Passiamo all’impasto…questo il mio consiglio: il pane “migliore” (esteticamente parlando) rimane il pane bianco o di semola, proprio perché lievita maggiormente in cottura e prende una forma migliore.

Io vi consiglio però di provare una ricetta per un pane semi integrale oppure se disponete di due pentole, potrete utilizzarle entrambe ed ottenere due pani diversi  (Come faccio io… in ogni caso per il pane bianco, ricordatevi di utilizzare solo farina 0 e non 00).

Pane semi integrale

 

Ricetta per pane semi INTEGRALE

 

Ingredienti:
  • 200g di farina integrale bio
  • 300g di farina 0 bio
  • 320g di acqua a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino di sale (dai 5 ai 10 gr)
  • 5 g di lievito di birra in cubetto
  • 1 cucchiaino di miele o malto
  • Un recipiente capiente in vetro tipo frigoverre (con tappo)

 

Preparazione:

Sciogliere in una tazza lo lievito e il cucchiaino di miele in poca acqua presa dal totale.

Nel frigoverre aggiungere le farine, il sale e l’acqua rimanente, iniziare a miscelare velocemente  con la forchetta e inserire in ultimo la tazza col lievito; attenzione non serve impastare.

Richiudere il tutto con un tappo ermetico.

Per la lievitazione, contare 20 ore + 2 dalla piegatura. In estate il tempo di riposo potrà essere ridotto, mentre in inverno la temperatura del locale dove si lascia l’impasto a lievitare non dovrebbe mai essere inferiore ai 20 gradi.

 

Dopo le 20 ore di lievitazione, dovete riprendere l’impasto e rovesciarlo su una spianatoia spolverata con farina di semola, avendo cura di infarinare leggermente l’impasto anche sopra.

Per la piegatura: dovete semplicemente portare il lembo sinistro d’impasto (tirandolo) verso destra, il destro verso sinistra, il lembo superiore su quello inferiore e viceversa…in tutto sono quattro pieghe.

L’impasto non và né impastato né tantomeno maneggiato troppo e và lasciato in lievitazione per altre 2 ore ben coperto con un canovaccio.

Per il canovaccio che userete ricordatevi che quando lo laverete di non usare ammorbidente o detersivi profumati che ne altererebbero il sapore.

A questo punto dovrete girare l’impasto direttamente nella pentola bollente portando le pieghe in alto; ma in realtà state tranquilli, io ho ottenuto comunque un buon risultato anche senza questa accortezza.

Il forno sarà già preriscaldato a 230° lasciate il vostro pane in cottura per circa 40/50 minuti dopodiché và tolto il coperchio e lasciato ancora per la doratura dai 10 ai 20 minuti.

Tutto dipende dal vostro forno, con poche prove capirete come utilizzarlo al meglio…spero avrete il coraggio di provare! Sappiate che fin dalla prima volta che ho utilizzato questa ricetta, non ho più comprato il pane.

 

 

Elga B.

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *