Home Create&Celebrate Animo rustico, stile romantico: la juta
Animo rustico, stile romantico: la juta

Animo rustico, stile romantico: la juta

6

La juta è uno dei materiali che in assoluto amo di più.

Per quanto possa essere considerato un tessuto “grezzo” e per quanto poco semplice ne sia l’utilizzo, continua ad affascinarmi e ad ispirare sempre nuovi progetti, dai più semplici a quelli un pò più elaborati.

Le sfumature che prediligo in assoluto, sono quelle dai toni neutri; il classico, che tutti conosciamo, marrone scuro e quello, che in molti, chiamano “sbiancato”. L’utilizzo ideale di quest’ultimo, è in primavera; diventa, infatti, una base perfetta per dare risalto a colori tenui e romantici, come il color pesca, il panna e l’albicocca, il giallo e il turchese.

IMG_4997  IMG_7119

Cucire la juta non è semplicissimo, come magari può esserlo il cotone, sicuramente più regolare e adatto pertanto alla stiratura.

Sia con la macchina da cucire, che rifinita a mano, la juta richiede molta pazienza e spirito di adattamento, a quello che sono le sue irregolari trame e ai suoi “rudi” filamenti; se non viene ben rifinita, tende a sfilarsi rapidamente, filo dopo filo.

La iuta è una fibra tessile naturale, biodegradabile e riciclabile. Come per il lino e la canapa, la materia tessile per la produzione si ricava dalla fibra di tiglio o dalla scorza del fusto della pianta.

IMG_9947  IMG_4826

 

È la seconda fibra vegetale più importante dopo il cotone ed è in assoluto la più economica; può essere usata per creare filati, tessuti, reti e sacchi adatti per conservare gli alimenti.

La juta è una delle fibre naturali più versatili e a mio avviso possiede una sottile e rustica eleganza. Accompagnata e impreziosita dai giusti materiali, riesce a sorprendere sempre, nonostante la sua anima, decisamente, “poco raffinata”.

IMG_4797IMG_5555

IMG_0584IMG_0603

In commercio se ne trovano di diversi tipi, a partire dalla consistenza, più o meno ruvida, che poi ne determina la morbidezza; a trama più fitta o più larga e in diverse colorazioni.

Il costo varia a seconda dei rivenditori, in genere però, il suo prezzo, oscilla tra i 6 e i 10euro al metro.

Vi propongo una raccolta di miei lavori da cui potrete, se vi va, prendere spunto e lasciarvi ispirare per realizzarne di vostri. Come protagonista vedrete lei, la juta.

Potete trovarli sul mio profilo Instagram insieme a molti altri.

Vi aspetto: sweet_country_emi , o scrivere una mail: spemilia83@yahoo.it

 

IMG_8740 IMG_8782 IMG_9688 IMG_3885

Se in molti di voi, vi starete domandando come lavare e detergere un oggetto di juta, vi lascio qui di seguito, qualche facile e pratico consiglio, appreso dal web.

Il tessuto di iuta può essere lavato in acqua fredda, ma bisogna farlo con cura, la tela manipolata eccessivamente tenderebbe a sfilacciarsi.

Pertanto, potrete immergere la tela per 5minuti, in acqua fredda, con l’aggiunta di detersivo liquido per tessuti delicati, (l’utilizzo dell’acqua calda potrebbe restringere il tessuto). Muovere delicatamente il tessuto con le mani per eliminare gradualmente le macchie. Risciacquare bene sotto l’acqua fredda dal rubinetto. Non stringere, ne attorcigliare la stoffa per evitare di danneggiare la forma originale del prodotto.

Asciugare il tessuto in piano tra 2 asciugamani, sostituire gli asciugamani finché la stoffa sia secca.

Buona creatività a tutti voi che sapete trarne beneficio!

Emilia.

 

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Comment(6)

    1. Grazie Valeria! Continua a seguirci…in programma ce ne sono altre e tanti tutorial per realizzarle con noi!
      A presto…

  1. Ho una piccola domanda alla quale nn trovo risposta
    Come si cuce la Juta a macchina? Devo fare delle federe per i cuscinoni di un divano per esterno.
    Grazie

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *